Ghianda
MIXTEATRO: muovendosi tra scienza e teatro.
 

Era una notte buia e luminosa

Senza il cielo stellato, quante poesie e opere d'arte sarebbero rimaste al buio? Senza il candido bagliore della Via Lattea, la curiosità avrebbe spinto lo stesso ad indagare lontano? Senza poter osservare le costellazioni, come si sarebbero originati i tanti affascinanti miti e leggende delle culture di tutti i popoli?

Era una notte buia e luminosa. Una volta.
Illuminata di stelle, curiosità e ispirazioni notturne.

L'esuberante luminosità che a partire dagli anni '70 sta rischiarando sempre più le notti in modo artificiale, sta anche rischiando di accecare la nostra percezione dell'ambiente di cui noi e il nostro Pianeta siamo parte. La Terra non è che un piccolo
pallido pallino blu
La Pale Blue Dot (in italiano pallido puntino azzurro) è una fotografia del pianeta Terra scattata nel 1990 dalla sonda Voyager 1, quando si trovava a sei miliardi di chilometri di distanza. L'idea di girare la fotocamera della sonda e scattare una foto della Terra dai confini del sistema solare è stata dell'astronomo e divulgatore scientifico Carl Sagan. È da considerarsi una delle migliori immagini scientifiche dello spazio di tutti i tempi.
pallido pallino blu
(1) nell'immensità cosmica. Ed è alzando gli occhi nudi al Cielo che si è captata fin dai tempi antichi la maestosità che ci avvolge.
Un punto microscopico brilla, poi un altro, poi un altro: è l'impercettibile, è l'enorme. Questo lumicino è un focolare, una stella, un sole, un universo; ma questo universo è niente. Ogni numero è zero di fronte all'infinito. L'inaccessibile unito all'impenetrabile, l'impenetrabile unito all'inesplicabile, l'inesplicabile unito all'incommensurabile: questo è il cielo.
Victor Hugo, I lavoratori del mare
Ora però, a causa dell'
inquinamento luminoso
L'alterazione della luminosità naturale per introduzione diretta o indiretta di luce artificiale, con conseguenti danni per le piante, per gli animali, per l'uomo.
inquinamento luminoso
(2), in città come ad esempio Torino o Milano, anche nelle notti serene di stelle se ne contano una cinquantina, mentre se ne dovrebbero poter vedere senza ausili circa 3000.

L'atlante notturno (3) prodotto dalla Nasa per la prima volta nel 2012 e poi a distanza di quattro anni nel 2016, è uno spettacolo incantevole che lascia senza parole, ma di fatto mostra uno splendente globo terrestre fintamente truccato a sera dall'uomo.

A parte il rischio di una perdita d'identità, oscurando progressivamente ciò che è stato origine di riflessioni filosofiche e religiose e fonte di ispirazione per poeti, artisti e scrittori e di rendere la vita difficile ad astrofili ed astronomi obbligandoli a posizionare i telescopi lontano da sorgenti luminose, effetti collaterali dell'alterazione della luminosità naturale sono stati misurati su piante e animali, nonché sull'uomo. Più in dettaglio si possono addurre all'inquinamento luminoso una diminuzione dell'efficienza del processo di
fotosintesi clorofilliana
È un processo biochimico innescato dalla clorofilla - pigmento che assorbe l'energia solare trasformandola in energia chimica - per mezzo del quale in presenza di luce solare le piante verdi e altri organismi producono sostanze organiche necessarie al proprio nutrimento, principalmente carboidrati, a partire da anidride carbonica atmosferica e acqua metabolica.
6 CO2 + 6 H2O → C6H12O6 (Glucosio) + 6 O2
fotosintesi clorofilliana
, uno stato di disorientamento a causa di perdita di punti di riferimento o punti di riferimento artificiali ingannevoli, e talvolta una minor acutezza visiva notturna a causa di fonti luminose disturbanti.
Interferendo sui
ritmi circadiani
Ritmi fisiologici di un organismo che si ripetono a cadenza giornaliera. Ad esempio l'alternarsi sonno-veglia.
ritmi circadiani
e sui sistemi di riferimento, nella confusione generale diventa normale che qualche tartaruga possa ritrovarsi involontariamente emigrata in luogo imprevisto o che nel cuore della notte si possa essere svegliati da un vivace buongiorno di qualche gallo canterino nottuno (4)!

Ma c'è davvero bisogno di tutta questa luce aggiuntiva?

L'illuminazione artificiale in realtà spesso ha intensità eccessiva e presenta una inutile dispersione verso l'alto, eccedendo le effettive necessità anche quanto a durata e aree di copertura. (5)

Tornare ad un CieloBuio è l'obiettivo dell'omonima associazione no-profit che dal 1997 a livello Nazionale si occupa di promuovere la cultura di una illuminazione eco-compatibile e della protezione del cielo dal fenomeno dell'inquinamento luminoso. Strumento cardine della campagna ancora attiva è far sì che venga definita e applicata sempre più una normativa chiara per ridurre lo spreco energetico (6).
Al momento la Legge della Regione Lombardia n. 17/2000, con successive modifiche e integrazioni, ha fatto da modello per la normativa di altre Regioni italiane e altri Paesi Europei (7).
Allestimento Luna e Gnac di Italo Calvino


 BLOG MIXTEATRO  Argomenti vari, spesso spunto per progetti teatrali. Ad esempio?

  • Le dimensioni geometriche e la relatività con Ottavio il Quadrato, l'insegnante di matematica protagonista di "Viaggio tra linee e punti... di vista", originale testo ispirato a Flatlandia di Edwin A. Abbot.
  • Storie di personaggi importanti nell'ambito della scienza o dell'arte come Galileo Galilei descritto nel testo teatrale "Vita di Galileo" di Bertolt Brecht.
  • Il rispetto per l'ambiente con l'ultima produzione "Semi silenziosi" dal libro "L'uomo che piantava gli alberi" di Jean Giono, attiva per il 2020.
Prato fiorito
 

W3C Validator HTML5 | W3C Validator CSS | Google Mobile-friendly Test | Wave Accessibility Evaluation Tool | Cookie policy